Ruoni 88-92


[2019] Santa Teresa di Gallura / Italia

Il progetto s’inserisce in un piano di lottizzazione che si estende su una collina panoramica in Gallura, con affaccio sull’arcipelago de La Maddalena.
L’edificio si sviluppa in lunghezza con il prospetto principale prevalentemente vetrato per poter ammirare il panorama.

La villa nel suo insieme ha una dimensione interna di 310 mq, più altrettanti 300 di spazi coperti annessi. E’ composta da un’ampio soggiorno di oltre 70 mq, 6 camere da letto con bagno privato, un bagno di servizio, la cucina, una dispensa e la lavanderia, con relativo spazio all’aperto.

Il parcheggio privato è posizionato nel punto più basso del lotto ed è coperto da un tetto verde che lo rende invisibile dalla villa. Dal parcheggio si arriva alla villa attraverso un breve tratto di tunnel e percorrendo un camminamento in lieve pendenza che permette di cogliere man mano scorci sempre più d’insieme della villa fino a rivelarne pienamente l’architettura.

Il concetto di ottimizzazione dell’inserimento paesaggistico è il filo conduttore di tutto il progetto. L’edificio, infatti, presenta tutti tetti verdi e in parte è seminterrato per assecondare il pendio della collina e mimetizzarsi nel contesto naturale in cui si inserisce, unico nel suo genere, permettendo ai lotti adiacenti di godere della stessa panoramicità. Il terreno di proprietà non edificato è mantenuto volontariamente intatto, in modo da non alterarne le peculiarità.

Il soggiorno ha una doppia parete vetrata da 10 metri su entrambi i lati lunghi che permettono una connessione completa tra il fronte e il cortile che si crea sul retro dell’edificio, creando una totale commistione tra gli spazi interni ed esterni, realizzando una zona giorno coperta di quasi 170 mq. Questa percezione di continuità è data anche dai rivestimenti del soffitto e del pavimento, che sono gli stessi sia all’interno che all’esterno del soggiorno.

La camera padronale si configura come vera e propria suite, con salotto privato, cabina armadi, bagno e patio privato con doccia esterna. Un sistema di pannelli scorrevoli oscuranti posti su binari danno la possibilità di connettere il patio privato con il giardino circostante, oppure di chiuderlo per aumentarne la privacy.

La piscina è a sfioro ed è posizionata nella corte interna, godendo di totale privacy. Una zona prendisole si inserisce al suo interno quasi come fosse un pontile galleggiante. Il giardino che si crea tra il volume del soggiorno e la camera padronale fa si che la piscina possa inserirsi tra i due edifici e godere del panorama sull’arcipelago.